State of Mobile Commerce 2014: la ricerca di Criteo misura il potere d’acquisto generato dai dispositivi mobili

Criteo, azienda tecnologica specializzata in performance advertising, ha pubblicato una nuova edizione del suo State of Mobile Commerce, aggiornata al quarto trimestre 2014. Sul blog di IAB Italia i risultati dello studio

mobile citreo 2014_001

Criteo, azienda tecnologica specializzata in performance advertising, ha pubblicato una nuova edizione del suo State of Mobile Commerce, aggiornata al quarto trimestre 2014. Lo studio offre importanti spunti per il settore dell’eCommerce su comportamento e tendenze d’acquisto mobile dei consumatori. Il report delinea un mondo in cui il giro d’affari generato da mobile è molto più sviluppato di quanto si possa pensare, rappresentando ormai più del 30% delle transazioni online a livello globale. In Italia il 23% delle transazioni nel settore dei viaggi e il 24% nel mercato retail avviene ormai via mobile.

“Una significativa assenza di informazioni sul mobile ha portato molti responsabili marketing a sottovalutare questa opportunità” commenta Tobia Omero, Managing Director Europa del Sud di Criteo. “Lo State of Mobile Commerce fa chiarezza sulla situazione del mercato, in Italia e a livello globale, attingendo alla nostra peculiare base di dati sulle singole operazioni che copre milioni di transazioni. Il report dimostra come ormai dal mobile derivino acquisti veri e propri, non solo più ricerca di informazioni, e come esistano enormi opportunità per gli eMerchant di aumentare sensibilmente le vendite tramite dispositivi mobili, in particolare nei settori del retail e del turismo. Ci aspettiamo che il mobile raggiunga rapidamente il 50% delle transazioni globali, trascinato dalla crescita vertiginosa dell’utilizzo dei dispositivi in mobilità e da una migliore ottimizzazione dei siti mobile, volta alla conversione”.

I risultati del report si basano sulle analisi realizzate da Criteo esaminando i dati sulle singole transazioni di più di 3.000 inserzionisti del mondo eCommerce, retail e travel a livello globale. Dal report emergono i seguenti punti chiave: mobile oggi significa acquisto, non solo ricerca. I tassi di conversione del mobile sono alti, su tutti i dispositivi e tutte le categorie di vendita. In Italia il tasso di conversione si attesta su una media dell’1.5%.

Gli smartphone attualmente generano globalmente più transazioni dei tablet. In mobilità il 53% delle transazioni nel settore retail e il 66% delle transazioni nel travel avviene tramite smartphone. In Italia, il 52% delle transazioni nel settore retail avviene tramite smartphone (vs 48% da tablet) e la percentuale sale a quota 58% quando si tratta di viaggi (vs 42% da tablet). Il valore medio degli ordini da mobile è molto vicino ai livelli registrati su desktop.

A livello globale i dispositivi Android generano più di un terzo delle transazioni da smartphone. Il tasso di transazioni via smartphone di Android è più alto di quello iPhone in molti Paesi, tra cui Germania, Italia, Spagna, Brasile e Sud Corea. In Italia in particolare, i dispositivi Android generano il 56% delle transazioni da smartphone nel settore retail e il 55% nel settore dei viaggi.

“I consumatori sono sempre più propensi ad acquistare tramite dispositivi mobili: diventa quindi imprescindibile per gli inserzionisti poterli raggiungere in mobilità grazie a una efficace strategia cross-device” afferma Omero. “Se siete un operatore nell’eCommerce e non vi siete ancora concentrati su come permettere di realizzare acquisti in mobilità ai vostri consumatori, tra un paio di anni sarete probabilmente fuori dal mercato”.

Qui il report completo

LEGGI ANCHE

eCommerce Netcomm Forum 2014: il Mobile a +289% nel 2013 e per il 2014 sopra quota 1 miliardo

e Commerce Netcomm Forum 2014: Mobile e Crosscanalità, l'agenda

eCommerce B2c in Italia 2014: agli italiani piace l’eCommerce via Smartphone

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 42 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO