Nielsen Media Research: gli investimenti pubblicitari rilevati nel mese di giugno 2011

nieseln advertising giugno 2011_01.jpg


Nielsen Media Research rende noti gli investimenti pubblicitari rilevati nel mese di giugno 2011, un mese particolarmente negativo per quanto riguarda il mercato pubblicitario. Da una parte il confronto con il giugno 2010 hanno prodotto una contrazione dell'advertising che, nel singolo mese, ha coinvolto tutti i settori trainanti del mercato pubblicitario.


Considerando il semestre la variazione rispetto al 2010 è stata del -4,2% considerando anche le tipologie commerciale locale, rubricata e di servizio. Il valore complessivo dell'advertising nei primi sei mesi del 2011 è stato di poco superiore ai 4,5 miliardi di euro.

La televisione chiude i primi sei mesi in calo (-4,7%), con una raccolta superiore a 2,5 miliardi di euro. Le emittenti televisive hanno pagato, in particolare a giugno, il confronto con l'anno precedente, ma trova conferma la solida crescita in termini di audience e raccolta pubblicitaria delle emittenti trasmesse in digitale terrestre.


Gli investimenti su internet, superando i 300 milioni di euro senza considerare il search, continuano a crescere a doppia cifra (+14,1%) rispetto al 2010, ma anche il web a giugno ha subito un rallentamento. Il +4,7% rispetto al giugno 2010 è una delle crescite più basse degli ultimi anni a livello mensile. L'out of home tv è l'unico altro mezzo che vede crescere la raccolta pubblicitaria nel semestre (+6,2%) mentre si registrano variazioni negative per tutti gli altri.


La radio in particolare, oltre alla congiuntura del mercato, paga l'ormai lunga assenza di dati condivisi e realistici dovuta alla liquidazione di Audiradio. Per quanto riguarda la stampa ancora in forte calo la free press (-49,9%), i quotidiani a pagamento seguono sostanzialmente il trend del mercato (-5,1%), mentre i periodici limitano i danni (-1,5%). Variazione leggermente negativa per il direct mail (-0,9%) mentre esterna e cinema chiudono la prima parte dell'anno con cali più consistenti.


Fonte Nielsen

  • shares
  • +1
  • Mail